immagine non disponibile

Le strade giuste per la gestione dell'allevamento avicolo

Slider

La parola a chi ha vissuto la fiera

Clicca qui

Vuoi più dettagli?

Clicca qui

PERCHE' PARTECIPARE

L’International Poultry Forum è il naturale punto d’incontro per le aziende e gli allevatori del settore avicolo che vogliono avere tutte le informazioni e le risposte per essere protagonisti in un mercato in rapida crescita.

VUOI PARTECIPARE ALL'UNICO EVENTO ZOOTECNICO IN ITALIA?

Richiedi tutte le informazioni

per VISITARE

Contattaci per ricevere la tua soluzione

per ESPORRE

COSA SI TROVA

 IPF è uno dei principali appuntamenti scientifici internazionali sull’avicoltura. Giunto alla settima edizione, vede la partecipazione di alcuni tra i più qualificati specialisti mondiali del settore, che hanno affrontato diversi aspetti veterinari e manageriali dell’allevamento avicolo. Per il 2019 il focus è stato Nuovi strumenti per il miglioramento qualitativo della produzione avicola.
Tra i topics affrontati: salute e equilibrio intestinale, nuove tecniche di indagine per la valutazione del microbiota intestinale, programmi di pulizia e disinfezione: nuovi prodotti e di nuove tecniche applicative, recenti innovazioni nei diversi settori della filiera produttiva (allevamento, incubatoio, mangimificio)

Per vedere il programma del convegno 2019,  clicca qui

GLI EVENTI E LE AREE SPECIALI TEMATICHE

L’International Poultry Forum si svolge nell’ambito delle Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona, un appuntamento prestigioso che si colloca ai primi posti al mondo nel settore della zootecnia. A Cremona arrivano operatori italiani e internazionali da cinque settori distinti (zootecnia da latte, suinicoltura, trasformazione lattiero-casearia, agroenergie e, appunto, avicoltura), che spesso hanno diversi punti in comune e danno vita ad interessanti sinergie e opportunità di affari.
Approfondimenti specifici dedicati ad ogni comparto vengono programmati all’interno delle aree speciali tematiche denominate MILK VILLAGE, BIO VILLAGE  e BIOENERGY VILLAGE. Gli appuntamenti specialistici qui organizzati offrono spesso connessioni con il sistema avicolo, la cui filiera riveste un’essenziale importanza socio-economica.
Infatti le carni bianche sono sempre più presenti sulla tavola degli italiani. Una tendenza in atto da anni che le ha portate ad essere la principale fonte di proteine per il 54%  della popolazione con un incremento dei consumi del 24% negli ultimi 5 anni che premia qualità dell’allevamento e sostenibilità ambientale viste come elementi connaturati all’italianità delle filiera. (fonte Unaitalia)

PERCHE' ALL'INTERNO DELLE FIERE ZOOTECNICHE

Le Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona sono la sola manifestazione agro-zootecnica in Italia e una tra le più importanti al mondo. Nel 2019 le Fiere Zootecniche Internazionali hanno visto la partecipazione di:

58.327

visitatori professionali

61%

dei visitatori é titolare d’azienda

Questo significa che le Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona  sono il posto ideale per incontrare i decisori delle più grandi aziende italiane del comparto

PERCHE' A CREMONA

Le Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona si svolgono nella zona con la più alta concentrazione di grandi allevamenti e di industrie per la trasformazione. Cremona è al centro del sistema agro-zootecnico più importante d’Europa: oltre al 44% del latte italiano, produce 65% della carne avicola e il 36% delle uova italiane.

Inoltre Cremonafiere interpreta il mercato e collabora sia con le principali istituzioni e realtà del settore, oltre che con gli espositori, per dare risposte concrete e soluzioni efficaci agli operatori del settore.

GLI SCENARI DI SETTORE

L’avicoltura italiana ha un peso rilevante: conta 64 mila occupati e vale una produzione di carni avicole pare a 1,3 milioni di tonnellate per un consumo pro capite di 20,4 kg: inoltre garantisce un prodotto e una filiera 100% made in Italy: dagli animali, nati e allevati in Italia, alla trasformazione, dalla logistica al prodotto finale. In meno di 10 anni, inoltre, il settore ha fatto passi da gigante riguardo il benessere animale, la sicurezza e la riduzione degli antibiotici (-80% rispetto al 2011) e in soli sette anni l’utilizzo di farmaci nell’avicoltura italiana si è ridotto da 5 a 1.
Per quanto riguarda le uova, il mercato italiano nel 2018 ne ha prodotte 12 miliardi e 253 milioni. Siamo il quarto produttore europeo dopo Francia, Germania e Spagna.
Il settore avicolo in Lombardia conta oltre 2.100 allevamenti avicoli che rappresentano il 10% di quelli nazionali. I capi allevati sono circa 31 milioni (il 16% sul totale italiano) di cui il 46% orientato alla produzione di uova.