Mercato mondiale di cereali e soia 2019/2020, le previsioni dell’USDA (Dip. Agricoltura Stati Uniti)

L’Usda, il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, ha pubblicato nei giorni scorsi le previsioni per il mercato mondiale di cereali e soia per la campagna 2019-2020.

Relativamente al frumento tenero, le stime parlano di un aumento del 4,5% rispetto all’annata 2018/2019 per una produzione totale di 764,5 milioni di tonnellate. L’aumento dovrebbe interessare tutti i Paesi maggiori produttori ad eccezione di Kazakhstan e Australia, che invece dovrebbero far registrare una flessione. Aumenteranno dell’1,7% i consumi e del 3,5% gli utilizzi per l’alimentazione animale.

Per quanto riguarda il mais USDA stima un calo delle produzioni pari allo 0,9% per una produzione complessiva di 1.113 milioni di tonnellate. La riduzione dovrebbe interessare soprattutto Stati Uniti, Argentina e Messico, mentre in Russia, Sud Africa, India, Cina e Unione Europea sono previsti aumenti. I consumi dovrebbero ridursi dell’1,2%, mentre l’utilizzo per l’alimentazione animale dovrebbero aumentare dell’1% portandosi a un impiego totale di 709,28 milioni di tonnellate.

Rispetto all’orzo le previsioni confermano una produzione globale in crescita del 12,3% per un quantitativo totale di 155,90 milioni di tonnellate. In aumento, sempre sulla campagna 2018/2019 i consumi mondiali che sfioreranno un +8,8%. Infine la soia, che dovrebbe registrare una flessione del 5,7% per una produzione totale di 338,08 milioni di tonnellate con un aumento dei consumi (+1,5%) per complessive 348,31 milioni di tonnellate.