Porretta (AITA): «all’Agrinnovation Summit con gli opinion leader riconosciuti dalla comunità scientifica e agro-industriale internazionale»

Anche AITA – Associazione Italiana di Tecnologia Alimentare è fra i partner che hanno voluto aderire alla prima edizione dell’Agrinnovation Summit organizzato all’interno delle Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona, dal 24 al 27 ottobre 2018 a CremonaFiere.

Agrinnovation Summit è l’evento che – per la prima volta – porterà alcuni dei più autorevoli istituti di ricerca europei, le più interessanti start-up, università e operatori del settore ad aggiornarsi e confrontarsi su tecnologie, innovazione e sviluppo in ambito agricolo, zootecnico e agrifood.

«Da tempo – spiega Sebastiano Porretta, presidente AITA – esiste un sodalizio privilegiato fra l’Associazione Italiana di Tecnologia Alimentare, AITA, la maggiore associazione tecnico-scientifica del settore, e CremonaFiere, volto alla somministrazione della formazione e dell’aggiornamento puntuale degli operatori del settore alimentare in tutte le sue filiere e capace di anticipare e d’interpretare i bisogni del comparto. È in un tale contesto che AITA aderisce all’Agrinnovation Summit per portare gli opinion leader riconosciuti dalla comunità scientifica e agro-industriale internazionale a discutere dei temi strategici del settore primario, con particolare riferimento ad alcune parole chiave: tracciabilità e rintracciabilità, etichettatura, dai dati all’informazione, proprietà dei dati, normativa, esportazione, certificazione, sostenibilità, efficienza di processo, ottimizzazione del processo produttivo, economia circolare, fiscalità, startup in agricoltura, il biologico, i nuovi regimi alimentari (gluten free, GMO free, vegan), allergeni, healthy & functional food (compresi gli insetti), origine degli ingredienti (e dei prodotti), packaging, sicurezza, igiene, controlli ufficiali, sistema di allerte, smart factory (industria 4.0), internet delle cose, assistenza tecnica, formazione, internazionalizzazione, comunicazione, processi partecipati».